Analisi SEO, utilizzare gli operatori di ricerca di Google per trovare i competitor

 
“La ricerca porta alla verità”. Sebbene questo sia un concetto filosofico, lo possiamo estendere anche a tanti altri ambiti, come il Web Marketing e la SEO. Quando bisogna posizionare un Sito Web nei motori di ricerca, è possibile infatti, tramite le parole chiave scelte per l’ottimizzazione, trovare e analizzare i “veri” concorrenti con cui dovrai competere per raggiungere le prime posizioni nei risultati di ricerca (SERP).

Nelle fasi preliminari, è fondamentale conoscere i concorrenti e le keywords che utilizzano per l’ottimizzazione. In realtà, un’azienda dovrebbe già saperlo a priori, individuandoli in sede strategica. In tal caso, essa vorrebbe verificarne la loro esistenza sul web, oppure scoprirne di nuovi. Perciò, ci si avvale di alcuni strumenti, come software e piattaforme online che offrono una serie di funzioni per l’ottimizzazione, tra cui quelle per l’analisi della concorrenza. Questi strumenti, però, sono servizi forniti a pagamento o, al massimo, è consentito il loro utilizzo in prova gratuita per un breve di un periodo di tempo.

Esiste qualcosa di più semplice e immediato che puoi fare per trovare la concorrenza sul web: servirsi del motore di ricerca più utilizzato al mondo, Google. E non tramite un servizio da lui offerto, ma direttamente adoperando gli operatori di ricerca avanzati che esso mette a disposizione. Di seguito ti riporto quelli che secondo me sono i più utili a fini SEO.

Se vuoi trovare tutti i siti web che utilizzano una determinata keyword nel title puoi utilizzare il comando ALLINTITLE. Con esso, è possibile individuare su Google tutte le pagine che contengono una determinate parola chiave nel titolo. Ad esempio, con allintitle:hotel Palermo troverai tutte le pagine nel cui title contengono sia hotel che Palermo. Di conseguenza verrai a conoscenza degli hotel che si trovano a Palermo. Una variante di questo commando è INTITLE:. Quest’operatore permette di cercare tutte le pagine che contengono un termine nel titolo e uno o più termini nel loro contenuto. Tornando all’esempio di prima, intitle:hotel Palermo restituirà le pagine con hotel nel title e Palermo in tutta la pagina, comprese le metainformazioni come la descrizione della pagina. Nel caso in cui tu voglia ricercare i competitor per un’esatta parola chiave, puoi combinare gli operatori di ricerca a corrispondenza esatta, i doppi apici, con INTITLE e ALLINTITLE. Per esempio, se devi cercare tutte le pagine che contengono nel title “hotel centro Palermo” in quest’ordine, sarà necessario digitare su Google allintitle:”hotel centro Palermo”.

Gli altri operatori di ricerca avanzati di Google utili per trovare i competitor hanno la stessa logica di funzionamento di “intitle” e “allintitle”:

  • tramite ALLINURL troverai le pagine che contengono una keyword nell’indirizzo web, mentre con INURL le pagine con la prima parola contenuta nell’URL e i termini successivi ovunque nella pagina.
  • ALLINTEXT restituisce le pagine con la parola chiave contenuta nel testo, con INTEXT il primo termine nel testo e i successivi ovunque.
  • Infine, ALLINANCHOR e INANCHOR sono operatori utilizzati per restituire tutte le pagine che sono linkate con una determinata parola chiave o un determinato termine. Ad esempio, cercando allinanchor:”hotel centro Palermo” Google ti restituirà le pagine che ricevono backlink contenenti l’ancora “hotel centro Palermo”.

Pronto a trovare i tuoi competitor online?

Se vuoi conoscere i principali operatori di ricerca di Google, ti consiglio di guardare la tabella creata da Andrea Pernici su giorgiotave.it. L’origine di questo post proviene da quello realizzato da Melchiorre Schifano su Teutra.

Se invece non vuoi perderti gli altri post di Habemus Marketing, seguici sui nostri Social Network:

3 comments for “Analisi SEO, utilizzare gli operatori di ricerca di Google per trovare i competitor

  1. 24 gennaio 2014 at 14:32

    Non sapevo si potessero utilizzare gli operatori di ricerca di Google per fare analisi di mercato in questa maniera. Grazie per quest’utile notizia!

  2. 10 maggio 2014 at 17:42

    Grazie per la citazione. Fa sempre piacere sapere di essere stati utili agli altri. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *