Crowdfunding, nuove forme di mecenatismo

 

Il Grafico crowfundingcrowfunding (tradotto letteralmente “finanziamento della folla”) è una forma di finanziamento dal basso, un processo collaborativo in cui gli utenti di una piattaforma web si trasformano in investitori e decidono di sovvenzionare un progetto.

Gli utenti-investitori non ricevono in cambio azioni ma il riconoscimento di beni di vario tipo sulla base della donazione effettuata. Esistono diverse piattaforme di crowdfunding: dalla generalista Indiegogo alla ormai nota Kickstarter, passando per le italiane Eppela e Musicraiser. La scelta della piattaforma è legata alla tipologia di progetto da finanziare ma in generale è sempre meglio affidarsi a piattaforme con un vasto bacino di utenti. Kickstarter, con i suoi 5 milioni circa di visitatori mensili, si conferma la più visitata e a seguire Indiegogo con 3 milioni  di visitatori.

Come funziona una piattaforma di crowdfunding? L’elemento che accomuna tutte le piattaforme  è la viralità della campagna di promozione, attraverso la quale si cerca  in maniera chiara e originale di conquistare la fiducia  di chi legge o guarda. Un tratto distintivo dei progetti di crowdfunding di successo è ad esempio la realizzazione di un video presentazione. Il video deve essere piuttosto breve e chiaro, evitando tecnicismi e autocelebrazioni. Una volta presentato il progetto, scatta la raccolta fondi e bisogna definire la durata della campagna che solitamente viene impostata sui 30 giorni. E’ possibile effettuare donazioni attraverso carta di credito e Paypal e ad ogni donazione viene riconosciuto un gadget o una menzione.

Io ho finanziato un giovane regista e il suo cortometraggio su Indiegogo e riceverò a casa una copia firmata della sceneggiatura, tu cosa finanzierai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *