Geolocalizzazione, promuovere la propria attività su Google+ Local con Zagat

Google+ Local è la piattaforma di geolocalizzazione di Google, che consente agli utenti di scoprire e condividere luoghi. È disponibile sia per chi ha un account Google+ Plus da pc fisso, sia su sistema operativo Android e iOs di Apple per gli smartphone. Ha recentemente sostituito Google Place. Di cosa si tratta?

Con Google+ Local si hanno consigli sui luoghi in base alle cerchie, alle recensioni e alla posizione dell’utente. È possibile pubblicare commenti e foto, leggere le sintesi Zagat (di cui si parlerà più avanti) e visualizzare la pagina di un’attività commerciale con post e informazioni utili. Questa piattaforma per le aziende è un’ottima occasione per promuovere online la propria attività. Secondo diverse ricerche, infatti, la maggior parte dei consumatori si dedica alla ricerca online delle attività commerciali prima di andarci fisicamente.

Prima di inserire una nuova attività è opportuno verificare la sua esistenza attraverso una ricerca su Google Maps. Se esiste basta cliccare sulla attività, loggarsi all’interno di Google e seguire la procedura di reclamo. Per inserire una nuova attività è sufficiente andare in Google Business Center e inserire dati come paese, ragione sociale dell’azienda, indirizzo, codice postale, città, provincia, telefono principale, e-mail, sito web, descrizione dei servizi (massimo 200 caratteri) e categoria. Una volta finito il tutto la pagina verrà approvata ed inserita nelle mappe, risultando visibile su Google Maps e Google+ Local.
La presenza di un tab ‘Local’ all’interno di Google+ dà la possibilità agli utenti del social network di eseguire ricerche direttamente dal proprio account e di creare una community, interagendo con la base dei clienti esistenti e potenziali.

Grazie all’integrazione di Zagat i punteggi attribuiti dagli utenti alle attività commerciali vengono ricalcolati su una scala di 30 punti, fornendo anche una sintesi delle recensioni sui luoghi. I punteggi  sono determinati dalle recensioni degli utenti su una scala da 0 a  3:
-Ottimo:3;
-Molto buono: 2;
-Buono: 1;
-Da scadente a discreto: 0.

Google poi calcola la media di queste valutazioni e la moltiplica per dieci per ricavare i punteggi medi. In un secondo momento esse possono essere rettificate in base agli input degli utenti e ad altri indicatori. In base ai punteggi abbiamo:
-Da straordinario a perfetto 26-30;
-Da molto buono a eccellente 21-25;
-Da buono a molto buono 16-20;
-Da discreto a buono 11-15;
-Da scadente a discreto 0-10.

Quando si cercano i luoghi in Google+ Local, i punteggi possono essere raffigurati in due modi:
Punteggi per più aspetti;
Punteggi complessivi.

Nell’esempio proposto ai ristoranti vengono assegnati punteggi in tre aree: cibo, arredi, servizio e costo. Il cibo è l’aspetto principale ed è segnato in rosso. Quando non si ha un numero sufficiente di valutazioni degli utenti su diversi aspetti o si è in presenza di una lista di diversi luoghi, viene mostrato solo il punteggio complessivo, ovvero paragonabile al punteggio assegnato per l’aspetto principale di un luogo.

Nel prossimo post spiegherò come integrare la pagina di Google+ Local con la pubblicità di Adwords.

 Per non perderti gli articoli di Habemus Marketing, seguici su:
– Facebook
– Twitter
– Google Plus 

4 comments for “Geolocalizzazione, promuovere la propria attività su Google+ Local con Zagat

  1. Anonymous
    20 giugno 2013 at 15:53

    Io utilizzo Foursquare per la mia attività… dovrei cambiare?

    Paolo

  2. 20 giugno 2013 at 20:20

    Ciao Paolo, direi che dipende dalle tue esigenze.

    Su Foursquare sfrutti la dinamica dei social games, cosa che su Google+ Local è assente. Su quest’ultima piattaforma, al contrario, sfrutti la risonanza del motore di ricerca più importante.

    Ti consiglio di integrare questi due strumenti di geolocalizzazione e creare campagne ad hoc in base ai tuoi obiettivi.

    Nel prossimo articolo darò altri consigli,
    stay tuned! 🙂

  3. 21 ottobre 2013 at 18:34

    Ho avuto esperienza negativa Google+ perché permette recensioni a chiunque senza avere la possibilità di controbattere e avere danni sulla mia attività di B&B. Per questo vi chiedo informazioni per combattere queste recensioni fatte da persone false, maldestre e infamanti

  4. 21 ottobre 2013 at 19:59

    Ingegnere Petracchi, può richiedere la proprietà della pagina e rispondere ai commenti e segnalare quelli “strani”. Google+ inoltre mette in risalto alcuni commenti in base al suo algoritmo.

    Ci faccia sapere se ha risolto.

    MR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *