Google punta sul turismo, da Google Hotel Finder a HPA

blog-googles-hotel-finder-launched-new-featureE’ chiaro ormai da settimane: Big G ha deciso di puntare sul settore turistico e sta iniziando a stringere accordi che potrebbero far tremare le grandi OTA. Il nuovo programma HPA (Hotel Price Ads) infatti, potrebbe mettere in seria difficoltà alcuni piccoli hotel indipendenti.

Di cosa si tratta?

Hotel Price Ads è il nuovo programma di advertising, che permetterà di mostrare a pagamento, su molti canali di Google, le tariffe del vostro hotel. Tra questi, Google Maps, Google Hotel Finder, G+ Local (Google Places) e ovviamente la Google Search.

google-hotel-finder

In questo modo, Google Hotel Finder, che permette di semplificare il confronto e la prenotazione di hotel trovati sul Web, potrebbe stravolgere i processi di prenotazione, minacciando certamente i grandi colossi delle OTA che già spendono molto in advertising.

Come si legge infatti sul Wall Street Journal, incoraggiando gli utenti a terminare il processo di prenotazione direttamente su Google, il potere dei referral sarà sempre più importante e le agenzie di viaggio e gli operatori saranno più propensi ai suoi sistemi di advertising.

Questa mossa, certamente pesta i piedi ai più grandi inserzionisti di Google, ovvero le OTA stesse, come Expedia, ad esempio, che spende circa un miliardo di dollari in Ads (Fonte Wall Street Journal)

Ma Big G, non si è mica fermato qui: Sempre il Wall Street Journal, ci dice che, “Google ha ampliato i suoi legami con alcuni grandi gruppi alberghieri“, tra cui, Hilton e il gruppo Intercontinental.

Non solo i grandi colossi delle OTA, dovranno investire diversamente in advertising, ma a questo punto, la domanda è: Come faranno i piccoli hotel indipendenti, i boutique hotel, ad essere comunque presenti e competitivi sul mercato? Mi sembra una strategia a dir poco selettiva, che inevitabilmente costringerà i piccoli hotel a spendere grosse somme in Ads per potere rimanere visibile, anche solo nella search.

Quali saranno a questo punto le sue prossime mosse? Google è ad un passo dal diventare una nuova OTA?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *