Instagram, ottimizza con criterio il profilo per il business

Instagram_Victoria_Secret

Partire con il piede giusto con Instagram è importante fin da subito per qualsiasi azienda o marchio, che ha deciso di lanciarsi in questo social network fotografico al fine di aumentare la propria brand equity o le vendite. Il nome utente deve essere il nome stesso del brand o dell’azienda, esso diverrà la firma del proprio account e la parola chiave che gli utenti utilizzeranno per trovarci su Instagram. Tra i suggerimenti, è opportuno utilizzare lo stesso nome utente per ogni social network, essere brevi e, se esso risulta già in uso da un altro utente, riscattarlo attraverso questa guida. Al contrario sono da evitare per il nome segni speciali come “_” o includere parole come “instagram”, “IG”, “promo”, parole spesso considerate spam dagli utenti.

Una volta creato o riscattato il nome utente, ottimizza il profilo. Partendo dalla biografia (150 caratteri massimi), promuovi il tuo hashtags della campagna, sii accattivante e inserisci il sito di riferimento. Per la foto profilo (110×110 px) scegli il logo, ricordando che il formato varierà in base al device: sarà arrotondato sull’app mobile e quadrata su un browser da pc desktop. La copertina apparirà dopo aver postato 7 foto, queste girano in base alla loro popolarità. Ricordati che la dimensione standard dei post fotografici di Instagram è di 612 × 612 px , pertanto assicurati che tutte le foto abbiano minimo queste dimensioni.

Starbucks

Starbucks

Infine, non dimenticare di collegare il tuo profilo su Instagram con altri social network come Facebook, Twitter, Tumblr, Foursquare, Flickr e via dicendo. Ovviamente, prima di partire vedi cosa fanno i tuoi concorrenti diretti e cerca di sfruttare le loro debolezze per raggiungerli e superarli. Per avere un’idea dei migliori marchi, clicca su Nitrogram 50, che stila la classifica dei marchi più popolari su questo social network. Io ti consiglio di vedere i profili di Nike, Gopro e Bmw.

Come utilizzi Instagram? Cosa altro aggiungeresti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *