Pinterest business, 10 regole per il successo

Dal testo alle immagini, dalle parole alle foto, la comunicazione sta cambiando forma ma non gli obiettivi. Basta davvero un pin di Pinterest per trovare nuovi clienti e mantenere fedeli quelli esistenti? Non è così semplice e per tale ragione, è opportuno seguire 10 regole per un Pinterest business ad hoc.

Cos’è Pinterest intanto? Brevemente, nasce nel 2010, affermandosi prima in Usa e poi in Europa all’inizio del 2012, superando in breve tempo Google+, Twitter e LinkedIn per ore spese sui social network. Le immagini e la condivisione sono il fulcro della rete sociale: le bacheche virtuali si chiamano board e definiscono le categorie dei contenuti; i contenuti, invece, si chiamano pin e possono essere aggiunti da ex novo o condivisi da altre board già online.

Prendendo spunto dalla infografica di Socially Sorted (consultabile qui) Pinterest per il business richiede una strategia precisa per ottenere successo.

#1 Credi in Pinterest
Crea un account su Pinterest e inizia a dare vita ai primi pin e board. Permetti nel tuo sito web la condivisione o il follow attraverso i pulsanti social, targettizzando quanto più possibile il pubblico.

#2 Rispetta la fonte
Sii un copywriter esperto, leggendo termini e condizioni e verificando la fonte di ogni pin. Per preservare l’integrità del pin, utilizza il tuo marchio in sovraimpressione.

#3 Lavora tutti i giorni
Segui, pinna, repinna, commenta, dai like e ripeti tutto ciò su Pinterest quotidianamente, rifacendoti ai valori e allo stile del tuo marchio. Se vendi prodotti, crea una board commerciale, aggiungendo descrizione, prezzi e relativo link di acquisto sulla descrizione.

#4 Sii social
Commenta i tuoi e gli altri pin, taggando anche gli utenti. Per ogni repin ringrazia pubblicamente e controlla periodicamente gli insight della tua pagina.

#5 Crea immagini spettacolari o utili
Scegli immagini spettacolari per il tuo sito, utilizzando diverse tipologie visuali come foto, disegni, testi, infografiche e video. Per impreziosire le immagini utilizza programmi di grafica online o offline.

#6 Non vendere prodotti, ma idee e fonti di ispirazione
Non essere autoreferenziale, mostra non solo il prodotto ma soprattutto lo stile di vita del tuo brand, pinnando o repinnando anche contenuti di altri utenti. Se ti piace un pin passato, non dare il like ma fai un repin su una board da te creata ad hoc per fornire contenuti sempre freschi e aggiornati.

#7 Non dimenticare la call-to-action
Promuovi e usa una call-to-action nei tuoi pin. Integra una strategia social online con una oflline, permettendo agli utenti di repinnare i tuoi contenuti.

#8 Dirigi il traffico web e la SEO
Imposta le notifiche del tuo profilo e pin. Aggiungi categorie, parole chiave, titoli, hashtag e link ai tuoi pin e alla descrizione della tua pagina su Pinterest. Considera quale contenuto porterà utenti al tuo sito (o viceversa al tuo pin) e quale contenuto gli utenti condivideranno. Permetti agli utenti di recensire i prodotti o dare un parere. Pinna immagini originali e contenuti dal tuo sito web.

#9 Utilizza gli strumenti giusti
Usa il “Pin Button” sul tuo browser, scarica Pinterest App sul suo smartphone e scegli i management tool a seconda delle tue esigenze (cliccando qui http://www.emoderation.com/19-pinterest-tools-for-pros hai ben 19 alternative)

#10 Ricerca e monitora
Traccia le attività recenti per follower, like, commenti e repin. Utilizza analytics per il traffico dal tuo sito. Tartettiza gli utenti per pin e board.

Tu hai Pinterest ed in che modo pinni? Nel prossimo articolo, spiegherò quali sono gli obiettivi di marketing che le aziende possono raggiungere con Pinterest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *