Revenue Wave, il roadshow turistico che sfida il prezzo

Viaggio in aereo

Cari albergatori, quante volte vi siete chiesti perché l’hotel vicino al vostro fosse pieno mentre voi, giocavate amabilmente a freccette nella hall? Siete sicuri che la scelta di un hotel da parte del turista dipenda sempre dal prezzo? Spesso ci si dimentica che “Il viaggio è un sentimento, non soltanto un fatto” (Mario Soldati).


Per dare risposta a queste e tante altre domande che attanagliano gli albergatori, due aziende siciliane, Interlude Hotels & Resorts e Visioni, si sono uniti per dar vita a Revenue Wave.

logo – Revenue Wave

Revenue Wave è un roadshow nato per offrire un’occasione di incontro e formazione a chi si occupa di turismo e ospitalità in Sicilia. Se assumiamo per vera la citazione di Mario Soldati, dobbiamo abbandonare l’idea di un povero turista spaesato che, non sapendo dove andare, si affida solo ai consigli di amici e parenti. E’ dura da ammettere ma anche i turisti sono entrati nel mondo del web 2.0 e sanno perfettamente cosa e dove cercare se vogliono andare in vacanza. Il futuro è attualmente sul web, ed è bene farsene una ragione. Tutti parlano della rivoluzione che Internet ha portato anche nel mondo del turismo, ma pochi riconoscono gli aspetti che potrebbero essere utilizzati come risorsa, ancor meno sono coloro che riescono a farlo nel modo giusto.
Analizzando attentamente il percorso che il turista fa sul web, quando decide di andare in vacanza, i fautori di Revenue Wave hanno identificato 4 variabili che riescono ad influenzare la scelta di un futuro ospite verso un hotel piuttosto che un altro. La tanto discussa variabile del prezzo, è importante ma non fondamentale. Prima di tutto, come fanno a trovarvi nei meandri del web? Siete stati in grado di costruire una strategia seo e di comunicazione adatta? Un utente che arriva sul vostro website, cosa guarda? Cosa cerca? . Dopo aver letto ciò che dite di voi stessi, cercano conferme dagli altri per sapere se siete o meno in grado di soddisfare le loro aspettative; controllano dunque la vostra brand reputation. Nel prossimo articolo analizzeremo tutti i fattori che determinano la vostra reputazione sul web.

E voi cosa ne pensate? Ritenete di essere dei wavers? Aspetto i vostri commenti.

Per non perderti gli articoli di Habemus Marketing, seguici su:
Facebook
Twitter
Google Plus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *